lunedì 13 marzo 2017

...E treni in ritardo

E' difficile non scrivere.
Non è che non ho avuto nulla da dire, in queste settimane. E' che a volte non voglio rileggermi o far leggere.
Mi sono portata sempre dietro la mia agendina e qualche volta ho anche fatto per alzarmi ed andarci a scrivere, anche solo uno sfogo, ma poi ho lasciato perdere.

Solo in una di queste giornate non ce l'ho fatta più ed ho preso la penna in mano. Ho usato solo pochissime righe, andando a capo spesso e senza completare tutta la lunghezza. Poche frasi che avevo bisogno di liberare per liberare me. Penso di non averci messo neanche la data e questo per una come me è inaccettabile, perché ho sempre avuto l'ossessione dei momenti, delle date, delle ore, dei minuti.

Come se tra venti anni potesse far differenza sapere che ho scritto alle 14.15 piuttosto che alle 14.29

Sono iniziati i corsi. Praticamente gli ultimi in tutti i sensi, dal momento che è ora di concludere definitivamente la carriera universitaria.
Ha piovuto, come sempre. Tantissimo vento e freddo, ma questo non ha mai inciso sul mio umore, neanche quando ne ha fatte le spese il mio povero ombrello. E neanche quando sono arrivata con le scarpe fradice nell'aula pienissima.

Ho e dovrò fare spesso ritorno a casa mia questo mese, perché ho tanti eventi. E questo da una parte mi spiace perché significherà percorrere ore ed ore di autobus ed affrontare gli altri passeggeri per il posto e la sistemazione delle valigie.
Ma non mi è importato perché ho avuto tanto tempo da passare con la mia nipotina che, a conti fatti, è stata fino ad ora una delle poche ragioni per sorridere.

Nonostante ogni tanto sembri che non gradisca la mia compagnia (quando sto via molto tempo è come se dovessi tornare a conquistarmi la sua fiducia), alla fine cerca sempre la mia presenza. Se mi dice che non vuole giocare con me ed io le rispondo che allora vado via, lei mi dice che va bene però poi mi chiede di restare e ride.
E' tenerissima e dispensa abbracci, baci e sorrisi. Si inventa gesti buffissimi ed anche quando è seria stenti a trattenere le risate.

Ho superato il mio momento precedente di crisi esistenziale ed oggi mi sento più serena con me stessa e con quello che ci sarà da fare. Mi sento finalmente di nuovo nel modo giusto anche se a volte non è facile accettarsi per come si è, o farsi accettare dagli altri. Però con un po' di lavoro, a volte parecchia forza e molta introspezione, si può raggiungere almeno il primo obiettivo, che poi è anche quello fondamentale.

E' difficile non scrivere, lo è ancora molto di più quando in realtà ci sono troppe o troppe poche cose da dire.
Io l'ho fatto un po' qui, un po' lì, un po' tra le righe ed un po' esplicitamente.
La cosa più importante però era, per me, continuare ad esserci qui.
Ed infatti, come sempre, ci sono!

...E' tanto che non sto solo veramente in questa stanza
Infatti sono indietro con le analisi di coscienza
Ho maturato debiti con la mia introspezione
Ho perso il vizio di chiedere sempre "per favore"...
Tiziano Ferro

Buon inizio settimana, a chi non è come neve...

25 commenti:

  1. Molti bambini si comportano come tua nipote chissà come mai :)
    L'inizio del post mi aveva fatto pensare che fosse un periodo no. A volte, almeno a me, capita di avere un po' di tumulto entro che non riesco bene a capire, gestire, e poi invece scrivendo si acquieta. Anche quando non mi va di scrivere, mi basta forzarmi un attimo.
    Va beh un commento stupido il mio XD
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in effetti è stato un periodo abbastanza no. Non è affatto un commento stupido, anzi ti ringrazio ^.^
      In ogni caso scrivere è vero, serve, ma a volte appunto non lo faccio perché lasciandomi prendere dall'istinto ho paura di dire cose che non penso.

      Quanto alla mia nipotina è pazzarella e basta xD
      Ti abbraccio anche io e grazie :-*

      Elimina
  2. Insomma, alla fine hai scritto.
    E hai fatto bene, perché non farlo?^^

    Moz-

    RispondiElimina
  3. io amo i mozziconi di frasi, a volte dicono tanto più delle realtà che abbiamo dentro... ergo se ti piace l'idea, fai scivolare la penna anche solo per imprimere quelle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho fatta ed ora posso tornare alle frase che piacciono a me :) Grazie mille :-*

      Elimina
  4. L'importante è uscirne, dai periodi "no": sono tutte esperienze di vita, un bagaglio che ci porteremo dietro per sempre.
    Un sorriso per una serena settimana.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, anche se io difficilmente imparo dai miei sbagli ammetto :-D Però stavolta voglio farcela perché è qualcosa per cui ne vale la pena :)
      Un abbraccio anche a te

      Elimina
  5. Quando prendevo il treno ogni giorno, anche io portavo con me un'agendina per appunti e riflessioni varie. E' stata un'abitudine conservata per anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in movimento non scrivo mai. Più che altro non mi piace che ci sia gente intorno quando lo faccio. Ho l'ossessione che si legga quello che dico :-D

      Elimina
  6. L'importante è esserci, in tutto quel che fai e in tutto quel che sei ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, alla fine importa solo quello. Ed io non voglio smettere :)

      Elimina
  7. Si leggono tante cose fra le tue righe e, sono felice, che fra tutte affermi che finalmente sei serena. Merito anche della tua nipotina? I bambini hanno questo effetto tranquillizzante, di accettazione totale... lasciati contagiare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, i bambini hanno il potere di trasformare tutto. Nel mio caso specifico però credo che il più sia stato dovuto alla capacità di dialogo, di essere sinceri completamente al 100% anche dicendo cose di cui si aveva paura ma che, presi nel modo giusto, non hanno distrutto nulla ma solo rafforzato

      Elimina
  8. Fai bene a scrivere, so io quanto mi manca.. e solo ora che sto riprendendo dall'ennesima contrarietà di salute, mi accorgo di quanto sia lenitivo per il fisico e l'anima leggere e scrivere, prendere spunto, individuare sorrisi e desideri, paragonarli e far di conto su quanto si può essere felici, con poco, anche lontano dall'amore nostro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco mi sono persa quello che ti è successo, però spero che ti stia riprendendo anche piano, piano. E' veramente frustante quando siamo costretti a smettere di fare qualcosa -nel tuo caso scrivere- per problemi vari quindi ti auguro di poterci tornare al più presto

      Elimina
  9. Mia cara è sempre un piacere leggere questi tuoi strappi di vita che sembrano comuni ma dentro hanno amore tenerezza commozione e partecipazione.
    Porta sempre l'agendina e scrivi ne vale proprio la pena,per noi ..intendo..
    Bacio dolce della buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nella :-* Grazie di esserci sempre e di leggermi con attenzione ed affetto. Continuerò a scrivere sperando avrete sempre questa dolcezza verso di me :)
      Ti ringrazio e ti abbraccio forte :-*

      Elimina
  10. Leggo questo post e subito penso alla mia personale situazione. Sai..io sono un grande campione di "assenza", ma so per certo che essere assenti per mettere a posto le cose non fa male. E so per certo che, quando ti assenti per un motivo valido, le persone che hai intorno e che ti vogliono bene non spariscono, ma aspettano con ansia che decidi di ritornare così da poter ancora gioire con te di tutte le cose belle che avete da scambiarvi ancora ed ancora..
    Scrivere è importante, alle volte ci esce senza che ce ne accorgiamo, ma alle volte dobbiamo farci ricordare che è importante per noi farlo.
    Ti ricordo che ti ho fatto una promessa ormai una vita fa..è per quella promessa che non mi sono perso per strada in un momento complesso come quello che stavo vivendo.

    Non vivere pensando che è difficile non scrivere, pensa a quanto è semplice farlo e goditi ogni momento!

    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che a volte è difficile godersi certi momenti. Però poi riguardando indietro mi rendo conto di quanto sia più semplice tutto se si analizza la situazione con calma e soprattutto con la consapevolezza che le paure si possono superare e gli ostacoli sono prima di tutto nella nostra mente.
      Non ho scordato la promessa che mi hai fatto ed infatti ancora ed ancora ti ringrazio perché in primo luogo penso che scrivere, appunto, aiuti noi stessi e poi chi ci legge.

      Ti mando un grande abbraccio :-*

      Elimina
  11. Ciao Paola ti capisco e sapessi quanto, periodi così li vivo spesso, crisi esistenziali che vanno e vengono, l 'importante che poi torni il sereno e per quanto riguarda scrivere devi farlo è bello quello che scrivi ed è bello leggere i tuoi momenti, un abbraccio grande a te e anche alla tua nipotina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Angelo :)
      Finalmente il sereno è tornato davvero. L'ho pensato anche qualche giorno fa ma brevemente perché sentivo che ancora c'era qualcosa di non detto o di non fatto. Adesso mi sento davvero libera e tranquilla quindi posso tornare a me :)
      Ti abbraccio anche io proprio ora che c'è la mia nipotina urlante ;-D

      Elimina
  12. E dopo la laurea che farai? Torni a casa o resti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso proprio di restare qui dove studio, a meno che non trovi proprio un posto di lavoro mega-brillante xD
      Credo che mi sposterò verso la capitale (sennò il rrromano a che serve?xD); per questa consapevolezza per un pochino sono andata in crisi. Poi certo nella vita non si può mai dire ma gli obiettivi sono: vincere paure e fare quello per cui mi sto sacrificando dovunque sia meglio

      Elimina
  13. Ci sono momenti difficili nella vita, per te, per me, per tutti. Quello che posso dirti è che, pure se questo lo è stato, e per cose non dipendenti da noi ancora purtroppo lo è, il fatto che ci sia tu vicino a me... rende tutto meno difficile.
    Perchè se uno è da solo può contare soltanto sulle proprie forze, e per quanto io per tantissime cose della mia vita lo faccio e lo penso... c'è una persona che, invece, voglio e vorrei sempre con me, l'unica con cui mi sento di poter condividere le cose, sicuro che lei gli darà almeno la medesima importanza che io dò loro. Ti serve che ti dica che questa persona sei tu? comunque io te lo dico lo stesso.
    Da quando sei con me, e credimi che è davvero così, non ho vissuto che momenti di gioia, di felicità, momenti belli, speciali, unici... oltretutto intorno a noi non si è mai palesato nulla di brutto. Ultimamente è successo, ovviamente non per scelte/colpe nostre, ma semmai del fato/destino/caso, chiamalo come vuoi, ed ammetto che è stato "dissestante", come un terremoto. Però poi il terremoto passa, finisce, e io ti assicuro che, pure se attorno a me magari cambiano, accadono e letteralmente "cadono" tante cose, tu resti salda al tuo posto. E mi dai tutto quello che mi serve, perchè SEI tutto, per me.

    Ti amo tanto... e sempre, oltre che per sempre :-*

    RispondiElimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.