sabato 20 gennaio 2018

We'll be counting stars

Tutti ormai sanno -o dovrebbero sapere- che io somiglio molto ad una biglia di vetro la quale, con cadenza quasi regolare, esplode frantumandosi in mille pezzi di modo che questi, schizzando via, feriscano il più possibile chi mi sta attorno portandosi via con loro tutto il rancore, la rabbia, l'inquietudine, la voglia di non stare ferma e zitta, la paura ed il coraggio che stavano proteggendo.

Per vostra fortuna il periodo di cui sopra è passato, quindi per stavolta l'avete scampata. Perché oggi, invece, mi sento una sfera di cristallo, si, ma in grado di far entrare nella propria trasparenza la luce, il calore, per poi rimandarla indietro alle persone che amo sotto forma dei colori dell'arcobaleno. E quelli si sa, non possono ferire nessuno.

Se non ve ne foste accorti, il Natale è passato da un po' ed anzi, vi dirò di più, siamo già quasi alla fine del primo mese del nuovo anno. Che io sentivo di aver appena tolto le decorazioni natalizie dallo scatolone ed invece, toh, era già ora di posare tutto.

Questa cosa del tempo che passa non me la so proprio spiegare. Ieri ero appena una diciottenne e questo sarà invece l'anno in cui compirò un quarto di secolo. Ma dove siete andati a finire anni nel mezzo?!
Il tempo è passato così velocemente che oggi, proprio oggi, si festeggiano quattro anni da quando il mio Rrrromano si è inginocchiato romanticamente di fronte a me per chiedermi di diventare ufficialmente la sua fidanzata. Roba d'altri tempi che però ben si addice al cavaliere galante che stava al mio cospetto in quella stanza piccola ma già molto piena di ricordi e pensieri di lui e di noi; roba che, potrebbe far sorridere, sembra non c'entrare poi molto con il mezzo 2.0 che mi ha permesso di conoscere quella che può essere definita con un termine particolare.

La persona giusta.

Il concetto di "persona giusta" è passato attraverso il cuore, la mente, le labbra, le mani di tutti almeno una volta nella vita. Di tutti, anche di quelli più cinici, più delusi, sfiduciati, tristi, arrabbiati.
E per quante persone questo pensiero abbia sfiorato, vi sono altrettanti modi per definire che cosa sia la persona giusta. O meglio, chi sia la persona giusta.

C'è chi dice che si tratti di quella che ti ammalia con il proprio profumo, con lo sguardo; quella che ti rapisce con le parole, la voce, un gesto; è quella che fa salire la voglia di cantare sotto la pioggia o di sorridere per un fiore sbocciato da solo in mezzo ad un campo incolto; quella che ti rende la protagonista di un film d'amore d'autore scritto proprio per te.
Ed anche io, se una mia amica mi chiedesse come riconoscere la sua persona giusta, darei probabilmente una di queste risposte.

La realtà è che per me la persona giusta è stata così lontana da qualcosa di concreto, di fisico, tangibile, di un gesto...
Non c'è stato nulla, nessun segnale in particolare. Solo una voglia irrefrenabile di avere la sua attenzione, i suoi commenti quando non si poteva altro e tutto il resto quando, invece, l'impossibile si è trasformato in possibile.
E quello che sentivo per lui era ben lontano dal semplice compiacimento per l'aver trovato un fan che apprezzasse i miei post, il mio modo di dire e non dire, la mia ironia. Che avevo assegnato un colore preciso alle e-mail sul cellulare di modo che, vedendo il rosa comparire sul led luminoso, sapessi immediatamente che era lui. Ed ogni volta era un piccolo balzo al cuore.
E tutto questo succedeva proprio nel momento in cui molti avrebbero detto che era sbagliato, che non si poteva, che dovevo fermarmi ed invece io, quando è arrivato il momento esatto mi sono detta "se lo fai ora, non sarà più nulla uguale" ed ho premuto invio senza neanche chiedermi se era quello che volevo perché doveva esserlo, non c'era altra spiegazione. 
La persona giusta.
Infatti lo è stato.

Quattro anni dopo, e nel frattempo sono successe tante cose, drammatiche o straordinarie, sono qui. Siamo ancora qui. A riflettere sul fatto che, probabilmente, questi saranno i 365 giorni in cui la nostra vita prenderà una piega tutta nuova. In cui, probabilmente, conosceremo nuove persone, nuovi luoghi, nuove mura ed in cui, si spera, finalmente i nostri sogni saranno trasformati in qualcosa di più terreno e tangibile.
In cui saremo più vicini, come lo sono state le nostre menti dal primo momento.

Allora non c'è fretta, perché tanto basterà chiudere gli occhi un attimo che sarà già domani anche se io preferisco sempre tenerli aperti e rimanere attenta per non perdermi tutti questi colori, i profumi, i gesti.

Una buona giornata, a chi non è come neve...

26 commenti:

  1. Meglio avere la forma del cristallo che quella della biglia, decisamente.
    E fatti dire che adoro quando parli di voi due, si legge un sentimento autentico e viscerale. Tanti auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me è meglio il cristallo che la biglia di vetro, per mille motivi e non solo estetici :)
      Grazie mille per gli auguri ed i complimenti :)) Un abbraccio :)

      Elimina
  2. Sai che quando hai detto "quattro anni", sono un attimo trasalito. Perché quattro anni sono tanti, ma leggendo i vostri post ho sempre avuto l'impressione che il vostro legame fosse cosi forte da essere stato forgiato in una ventina d'anni di fidanzamento :D, il che è ovviamente impossibile visto che tu sei una giovinastra classe 1993. Quindi intanto vi auguro un bellissimo quinto anno insieme, con la speranza di rileggere presto anche la tua dolce metà.

    Il concetto di persona giusta è difficile. Perché io sono sempre stato uno della corrente di pensiero che il colpo di fulmine, la chimica..non esistono. Sì, la scintilla sì, senza quella non parte nulla. Ma credo che un rapporto sentimentale abbia altri presupposti del caso o di strani fattori chimici. La stessa attrazione fisica è parte e non unica ragione di un rapporto d'amore duraturo.

    Di sicuro la persona giusta è quella che crede nella condivisione con l'altro: condividere significa voler vivere assieme, condividere le passioni dell'uno e dell'altra, accettarne i difetti. Ecco, forse la chimica è questo: condivisione, null'altro. Ma come si entra in questa condivisione?

    Allora sì, la scintilla?

    La scintilla scatta su interessi comuni? Non credo, necessariamente.

    Adesso mi psicanalizzo ulteriormente :D, ma mi fermo qui per non appesantire blog altrui.



    RispondiElimina
  3. Lo sssso, anche io lo dico a Mizio che stiamo insieme da sempre :) ed anche se è vero che il tempo vola e quattro sono tanti non vedo sempre l'ora che il conto degli anni aumenti, pur sempre nella gioia e nella felicità :)
    Anche io penso che ci sia bisogno di condividere, ne ho parlato proprio in uno dei blog che abbiamo in comune :) in una coppia non bisogna essere uguali, anche perché io e Maurizio a volte siamo quanto di più opposto si possa trovare, però sicuramente bisogna avere la stessa, identica voglia di condividere. Per esempio, io sono una bravissima tifosa della Roma anche se non conosco niente di calcio xD E Mizio come frase su WA ha scelto una di Tiziano :) Non so se mi spiego, ti rendi conto?xD

    Credo che la scintilla scatti, e non lo dico tanto per fare poesia, quando l'universo si muove in una direzione tale da portarti alla persona giusta. Detto meglio, cioè, la scintilla scatta senza motivo, senza attrazione, senza nulla. Scatta quando qualcosa dentro di noi ci dice che è giusto che accada.
    Puoi psicoanalizzare quanto vuoi sul mio blog, soprattutto se si parla di ammmore, anzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una frase di Tiziano come messaggio di stato di Whatsapp non è il massimo XD.

      Elimina
    2. Si, se lo stato è stato scritto per qualcosa di importante xD E comunque mi ha anche portata al concerto e fatto apprezzamenti sullo stesso e sull'artista :-D Ormai non ci batte più nessuno xD

      Elimina
  4. Io invece sono come una caleidoscopica bolla di sapone^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, anche le bolle di sapone mi affascinano :)

      Elimina
  5. Mi ritrovo molto nella prima prima metafora della biglia, anche io a volte esplodo e chi piglio, piglio D:
    E anche io non ho un concetto di persona giusta, alla fine è proprio una scintilla, una chimica, un impulso, una sensazione che scatta così in profondo che poi emerge. :) Buon week end e complimenti per questi 4 anni!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché se non sbaglio sei scorpione anche tu xD Non vorrei ricordare male ma penso tu sia comunque nato a Novembre :)

      Comunque è esattamente così, una sensazione che scatta inconsapevolmente e che piano, piano viene fuori e diventa sempre più reale

      Elimina
  6. Buongiorno carissima Paola.
    È vero il tempo passa ed ancora di più quando nella tua vita tutto è sereno e giusto.
    Grazie per i tuoi colori di arcobaleno che hanno irradiato tutti ed anche me.

    Volevo annunciarti che ti ho donato un premio nel mio blog "I Pensieri di P.". Se ti fa piacere passa a ritirarlo. Un forte abbraccio e buona Domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia, ti ringrazio tantissimo per il premio *.* Ho già letto e non appena potrò scriverò il post in questione anche e soprattutto per ringraziarti delle belle parole :) Ti abbraccio forte e ti ringrazio ancoraaaa :)

      Elimina
  7. Se tutti gli amori fossero come il vostro vivremmo in un mondo meraviglioso, e anche se non lo è adesso, con voi due è comunque più bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pietro :) Anche se qui Maurizio ti potrebbe rispondere che a volte sono pazza e quindi meglio non avere troppe di me in giro o in coppia xD

      Elimina
  8. Colpì molto anche me questo amore 2.0 nato "chattando" ma poi vi ho visti con quei sorrisi veri e una luce negli occhi unica.. le vie dell'amore sono davvero incredibili e, per fortuna, superano ogni immaginazione... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà, Franco, quei due non eravamo noi...erano le nostre spie mandate in avanscoperta per verificare che tu non fossi il killer che tutti sospettavano xD

      Elimina
    2. ...ologrammi all'avanguardia!!

      Elimina
  9. Ciao Paola.
    Sono l'artefice del premio che ti ha donato Pia e ho voluto conoscere il tuo blog.
    A dire il vero, nel web ci siamo incrociate diverse volte, posso dire che è meritatissimo.
    In merito alla persona giusta, come te, quando incontrai la "mia persona", non ci furono avvisaglie, né campane, né altro.
    Anzi, ebbi quasi un moto fastidioso, perché all'inizio mi era antipatico.
    E sono 30 anni che stiamo insieme.
    Che dire, quanto di più sbagliato potesse esserci...
    Ti seguirò volentieri.
    A presto.
    Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mariella e benvenuta :)
      In primo luogo ti ringrazio perché mi hai battuta sul tempo; anche io sarei passata da te dato che il premio è partito proprio grazie al tuo post :)
      In secondo luogo, mi fa molto piacere che tu sia qui perché è vero, ci siamo incontrate molte volte per il web dal momento che il tuo blog è uno di quelli che Maurizio ha seguito (e spero tornerà a seguire) con più piacere :)

      La mia persona giusta non mi è stata antipatica; al contrario ci siamo trovati bene a parlare fin da subito :) però spero che il finale possa essere uguale al tuo :) Insieme ancora per tantissimi anni :)

      Ti abbraccio e grazie :)

      Elimina
    2. Cara Paola grazie per le belle parole che hai usato qui e da me.
      Sappi che anche a me sta molto a cuore il viaggio che tu e Maurizio avete intrapreso. E vi auguro tutto il bene del mondo.
      Come mi auguro di tornare a leggere presto Maurizio.
      Ti abbraccio forte e buona giornata.
      Mari.

      Elimina
  10. Allora auguroni a entrambi, cara Paola.
    Si cresce e si migliora assieme, si affrontano tantissime cose, belle e brutte. Ecco dove sono gli anni di mezzo: li hai passati così, con una nuova forza.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Moz, degli auguri e delle belle parole. Anche io penso che in questi anni siamo cresciuti molto, sia come persona sia come coppia. E credo che riusciremo a farlo molto anche nel tempo a seguire :) Un abbraccio :)

      Elimina
  11. "Perché oggi, invece, mi sento una sfera di cristallo, si, ma in grado di far entrare nella propria trasparenza la luce, il calore, per poi rimandarla indietro alle persone che amo sotto forma dei colori dell'arcobaleno. E quelli si sa, non possono ferire nessuno."

    Questo pensiero è bellissimo. è poetico ed esprime, attraverso un'immagine semplice l'immagine più profonda che hai di te stessa, passa quasi la sensazione che provi.

    è molto bello leggere della tua "persona giusta" io non mi sento di dirti che è la persona giusta esiste davvero o che lo sarà sempre, ma il mio augurio è che tu possa vivere profondamente le belle sensazione che ti da.
    è sempre magico trovare qualcuno che sia con te "qui e ora" a condividere l'amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Barbara per le bellissime parole che hai scritto per me :)

      Quanto alla persona giusta credo che sia normale avere dei dubbi perché nella vita non si sa mai. Quando però si incontrano determinate persone, anzi una sola in questo caso, si ha quella sensazione per cui ogni giorno nasce un motivo nuovo per rinnovare il proprio amore verso di lei. E questo continuo rinnovamento non può che farti sentire che potrà durare per un tempo così ampio da non riuscirne a definire il confine :)

      Grazie mille del passaggio e del commento, ti abbraccio :)

      Elimina
  12. Le difficoltà sono parte integrante della vita. Le affrontiamo. Giorno per giorno. E sono, purtroppo, inevitabili. Tuttavia la vita ci permette anche di trovare la persona giusta che sappia affrontarle al nostro fianco, a darci la forza necessaria per uscirne con un sorriso e la voglia di andare avanti.
    Un sorriso per questa tua continuazione di anno.
    ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si ha qualcuno con cui condividere il proprio fardello inevitabilmente tutto sembra più facile :)
      Un grande abbraccio e grazie :-*

      Elimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.