domenica 1 marzo 2020

...Io di più...

Io non le conosco tutte le cose del mondo. 
Eppure so per certo che ne esistono poche in grado di arrivare alla bellezza di una testolina poggiata sul tuo petto o sulla tua spalla.

Quando hai uno scricciolo tra le braccia che si stropiccia gli occhi e ti fanno ridere la sua aria assonnata e gli scatti dei suoi piedini che tiene in movimento per non arrendersi alla stanchezza fino all'ultimo.
Quando si lascia vincere dal sonno e finalmente quell'ammasso morbido di capelli un po' sul biondo, un po' sul rossiccio si abbandona sulla tua spalla, accucciata come un cucciolo.
È quello il momento in cui accade. La magia.
La magia che sta dietro alla consapevolezza che quella bimba si fida di te e si affida a te nel momento in cui è il più vulnerabile possibile, quello in cui la sua mente ed i suoi occhietti si prendono una tregua da tutte le cose ancora da imparare che il mondo le offre.
E non è mica una cosa da poco perché lei lo sente che le tue braccia non sono braccia qualsiasi, ché se la tenesse uno sconosciuto starebbe già piangendo disperata, ma tu non lo sei e lei lo sa.
Riconosce la tua voce quando le canti una ninna nanna ed anche se forse ancora non ha la concezione delle parole che stai usando, sa che quella voce è quella che ascolta quasi tutti i giorni e questo basta per sentirsi al sicuro.
Ha imparato che sei là per lei quando ha voglia di giocare, quando ha fame, quando ha paura, quando piange, quando sta male, quando sta bene. Sa che sai farla ridere, che sai cambiarle il pannolino, che sai darle lo yogurt o i biscotti o la pastina; sa che c'eri anche quando non c'era lei, sa che c'eri per la sua mamma ed il suo papà e sempre ci sarai.

Lei lo sa e si sente protetta tanto da potersi permettere di fare un sonnellino e di lasciare a te il compito di sorvegliare che vada tutto bene: che i cuscini siano ben sistemati così anche se si dovesse girare non corre alcun pericolo; che la lucina sia accesa così quando si sveglierà non avrà paura del buio totale; che la porta rimanga socchiusa così da poterla sentire immediatamente appena avrà recuperato tutte le energie che le servono per giocare vispa con tutti; che i suoi amichetti di peluche siano al suo fianco così da non essere mai completamente sola; che la temperatura nella camera sia perfetta perché non abbia freddo ma nemmeno caldo.
Lei lo sa che non sei la sua mamma ma sa che quando si tratta di amarla e di tenerla al sicuro non c'è nessuna differenza.

Lei lo sa e, senza bisogno di alcuna parola, te lo dice ogni volta che il suo ammasso di capelli un po' sul biondo, un po' su rossiccio si abbandona sulla tua spalla, accucciata come un cucciolo. Lasciandoti il compito più importante, quello di prenderti cura di lei.

Io non le conosco tutte le cose del mondo eppure credo che mi sarà difficile trovare qualcosa all'altezza di quel momento.

Potrei piangere per una cosa così bella.

Buona giornata, a chi non è come neve...

19 commenti:

  1. E' difficile questa volta aggiungere qualcosa..sei una zia meravigliosa 😍

    RispondiElimina
  2. E'un'espressione dell'amore verso il bello, il buono e il pulito.
    Ciao Paola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa ci può essere di più bello, buono e pulito di loro? Grazie :)

      Elimina
  3. Awesome photography! I feel lucky today to see the beauty of photography. It was really great inspirational post. What a memorable experience it was for us!

    RispondiElimina
  4. Meraviglioso! Penso che l'angioletto che ha la fortuna di posare la sua testolina sulla tua spalla senta il bene che gli vuoi che si diffonde pian piano in lui! ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche io che senta tutto l'infinito amore che facciamo a gara per farle sentire <3

      Elimina
  5. "Io non le conosco tutte le cose del mondo.
    Eppure so per certo che ne esistono poche in grado di arrivare alla bellezza di una testolina poggiata sul tuo petto o sulla tua spalla."
    Mi hai fatto commuovere...grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, mi onora davvero tanto saperlo :)

      Elimina
  6. Io mi soffermo sulla chiosa finale di quel discorso invece: sarà difficile trovare qualcosa altro all’altezza di quel momento.
    Quando sarai madre te l’emozione sarà sicuramente più forte ma comunque non la stessa che hai provato con tua nipote.
    Grandi entrambe la diversa.
    Irripetibile.
    Ciao Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, grazie per questa ulteriore, bella, sfumatura che hai dato al mio post con il tuo commento.
      In effetti penso anche io che, nonostante si tratti sempre di un amore immenso, quest'ultimo sia così straordinario proprio per la varietà delle sfaccettature che può assumere.
      Com'è già poi avvenuto coi miei stessi nipotini: un amore sempre uguale per ciascuno di essi ma comunque sempre diverso.
      Indescrivibile *.*
      Grazie mille :-*

      Elimina
  7. Il mondo è bello. È pieno di cose belle. Ci vogliono occhi per vederle e cuore per pesarle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed anche un po' di tempismo per incontrarle al momento giusto :)
      Grazie mille!

      Elimina
  8. Le cose belle della vita, questa è una, ed è meravigliosa ;)

    RispondiElimina
  9. Sì, è così. Non saprei cosa aggiungere a questa "grande bellezza".
    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte nemmeno servono le parole :D
      Grazie mille, un abbraccio :-*

      Elimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.