martedì 21 giugno 2016

But in the end

Questo Giugno avrebbe potuto anche fare a meno di presentarsi.
Mi guardo intorno e sento di non essere l'unica a pensarlo, per un motivo o per l'altro.

Il tempo, ad esempio.
Da stamattina tuoni si alzano da lontano. Sembrano volersi avvicinare preceduti da delle nuvole fittissime, tristemente grigie che promettono solo una lunga, pesante, doccia naturale.
Non fa neanche tutto questo caldo, anche se ormai le mie magliette (usate appositamente solo per casa) sono dimensionalmente ridotte al minimo sindacale.
Soprattutto la notte il fresco è piacevolmente coccoloso, anche se le zanzare non si fanno spaventare e banchettano piacevolmente col mio sangue.
Eppure qualcuno potrebbe dirmi "e non ci muoiono avvelenate?", data la mia ultimamente tanto sottolineata cattiveria. Ma chi nasce senza cuore mica può trovarlo casualmente per strada, no?

Il tempo, ad esempio.
Quello che scorre inesorabilmente senza lasciarmi...tempo.
Oggi mi chiedevo semmai un giorno sarò in grado di rimpiazzare tutte queste ore "sprecate" facendo qualcosa di importante. Di veramente importante.
Dovrei prepararmi per gli esami ormai alle porte (e mal divisi, maledette sessioni organizzate da chissà chi!) ma sembra che la mia coscienza si risvegli paradossalmente solo di notte.
Quindi io vivo come i pipistrelli: di giorno dormo, anche quando teoricamente ho gli occhi aperti. Poi quando le tenebre cominciano a prendere il posto della luce, allora io riscopro la mia vitalità ed il cervello si attiva manco dovessi trovare il modo per salvare il mondo. Ed è per questo motivo che il pomeriggio sembro uno zombie e la notte alle 2.00 ho la mente impazzita.

Il mio raffreddore, ad esempio.
Perché in Inverno è fuori moda ammalarsi, quindi noi andiamo contro corrente e lo facciamo quando ormai dovrebbe essere prossimo il mare, la spiaggia, la sabbia..

E poi questo Giugno mi sembra di passarlo nel bel mezzo delle sabbie mobili.
E come tutti sanno, più ti dimeni più cadi in basso ed anche se alla fine non ti possono inghiottire la stretta al collo la senti e non c'è modo di darsi pace.
Solo che arrivati ad un certo punto ci si stanca anche di muoversi in modo forsennato e si decide di rimanere dove si è. In balia di quello che deve succedere. Perché una può spiegarsi mille ed una volta, può parlare chiaramente di quello di cui ha bisogno, ma fintanto che sarà vista semplicemente come una egoista, cattiva, senza cuore e così via, sarà tutto una perdita di tempo.

E mi dispiace se Giugno ha portato anche un post come questo, che probabilmente non piacerà, ma beh...è arrivato il tempo.

C'è sempre tempo, prima o poi.

Buon Giugno, a chi non è come neve...

22 commenti:

  1. Dai che questo mese passa presto...comunque oggi mi sono raffreddato leggermente, capita sempre più spesso in estate che in inverno pensa un po ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo un po' di zucchero e la pillola va giù, no?

      Elimina
  2. Ma cosa dice Paoletta mia, egoista, cattiva, ma proprio tu?
    Questi umori ballerini capitano a tutti, te lo dice una metereopatica per eccellenza che cambia umore ogni ora, e oggi poi con questa tromba d'acqua è in uno stato di apprensione, furore e rabbia che non ti dico. Sto diventando incontentabile...quindi prendi nota.
    Troppo caldo? Non si respira...Pioggia torrenziale? Dov'è l'estate...L'unica differenza sono le zanzare che a me non mordono..sangue infetto, troppa cattiveria??!! Chissà fai un po' tu...
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che altro aggiungere a questo commento ad un post scomparso per un po', ma tornato indietro perché quelli da cancellare sono ben altri?
      Un abbraccio e grazie mille Nella..

      Elimina
  3. Giugno è un mese buffo. Cose belle e cose brutte.
    Prendi ciò che c'è di buono e tralascia il resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi si scopre che la cosa brutta sono sempre io :-O

      Elimina
    2. Se così fosse, non tornerei qui a controllare se tu abbia aggiornato, non trovi?
      Piuttosto, ho commentato questo post quando lo hai scritto ma fino ad oggi era scomparso, cosa ne avevi fatto?

      Elimina
    3. Ogni tanto impazzisco.
      Lo avevo ri-portato in bozze. Poi ho pensato che, come scritto su, sono altre le cose da voler cancellare, semmai. Poi una volta mi è stato detto di non bruciare più le mie pagine, per cui..
      Ora bisogna solo capire se la parte pazza di me è quella che ha cancellato il post o quella che lo ha ri-pubblicato :-D

      Comunque grazie: per quello che hai scritto, per la domanda e per aver controllato se avessi aggiornato.

      Elimina
    4. In fin dei conti, forse abbiamo solo delle parti pazze.

      Elimina
    5. Non giustificatemi o sarà la fine xD

      Elimina
  4. Ci sono richieste e aspettative che non si ha mai il coraggio di pubblicizzare pienamente. Specialmente al soggetto principale che dovrebbe (secondo i nostri sogni) comprenderle ed esaudirle al solo nostro pensarle.
    Sarebbe tutto bello altrimenti, tutto perfetto. Troppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai capito tutto della vita! Quando hai tempo per una lezione, magari, mi servirebbe parecchio.

      Hai ragione, il fatto è che si può vivere più o meno serenamente con l'imperfezione, dipende dal tipo di persona. È quello il problema, forse

      Elimina
    2. Dipende da quanto siamo disposti a sacrificare di noi. Dipende da quanto spostiamo l'asticella, da quanto accorciamo i confini, da quanto veniamo noi incontro senza sentirci, tuttavia, allo scoperto.
      Dipende.

      Elimina
    3. Quanto siamo disposti a sacrificare di noi...la leggo in accezione positiva e sempre positivamente mi piace pensare che, data la persona giusta, ci si regala di noi, non ci si sacrifica.
      Dipende (:

      Elimina
  5. Anche la mia coscienza si risvegliava solo di notte.
    Oh il Potere dell'esame!
    Coraggio coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora si è aggiunta l'ansia di aspettare i risultati del primo, che sono stati posticipati ancora!

      Elimina
  6. Io aspetto sempre l'autunno. Non amo l'estate, non per un'apatia verso il sole ma a causa della copiosa umidità delle mie zone: il caldo secco è ben altra questione.
    Un sorriso per la settimana.
    ^___^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco sempre l'Inverno all'Autunno. L'Autunno è piacevolmente più nostalgico, ma mi sa di qualcosa lasciata a metà.
      Un abbraccio a te :-D

      Elimina
  7. Ciao cara.
    Tu sei cattiva e folle esattamente come me.
    Ahahahah...
    Coraggio stai avendo uno di quei momenti negativi che ci fanno tanto riflettere ma che poi ci fanno scegliere la cosa giusta per noi.
    Se vuoi facciamo un po` di lotta...giusto come sfogo...
    Conosci il gioco di forza mano contro mano?
    Perdo sempre perché son piccola...che divertimento però.
    Abbraccio Paola, oggi da me ci sono solo tuoni e fulmini. Smaaaccckkk!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui stamattina ha piovuto parecchio ma ora è tornato il sole. Che fosse un segno?
      Siamo piccole in due, allora, ma se bastasse la testardaggine a farmi vincere allora ti straccerei ancor prima di iniziare :-P
      Grazie mille, un abbraccio ^.^

      Elimina
  8. In the end c'è che... non è mai "the end" :*
    Io ti amo, sono e sarò sempre con te, qualsiasi cosa accada, qualsiasi tempesta arrivi, pur se ovviamente mi auguro ne arrivino il meno possibile, perchè a me piace navigare nel mare tranquillo, e bellissimo, che è l'oceano d'amore che mi dai :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto adesso potrai tenermi a bada anche personalmente :-D
      Ti amo amore.

      Elimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.