giovedì 15 giugno 2017

C'era qualcosa, qualcosa che...

E' il modo in cui mi stringe le mani....

Era tanto tempo che non passavamo la notte insieme. Troppo.
Dopo tante notti, troppe, mi dorme accanto.

Fa caldissimo, insopportabile, è pieno di zanzare. Ma non importa per niente.
Lui dorme alla mia destra, al lato del muro. Non è la regola ma quando siamo qui dormiamo così.

Il suo petto è contro la mia schiena, il suo braccio sinistro è sotto al mio collo, ci passa oltre e la mano si abbandona sul cuscino. Il suo braccio destro è sul mio addome, leggermente sul seno e di nuovo anche quello si abbandona oltre il mio corpo, sul cuscino.
La mia mano sinistra è completamente stretta alla sua, quella destra leggermente più morbida sul suo pugno destro.

Non è la posizione più comoda del mondo. Ma il modo in cui mi stringe le mani...
Sento il suo mento affondare tra i miei capelli ed il suo respiro proprio dentro le mie orecchie.
Continuo a stringere la sua mano anche se quasi mi fa male la presa, immaginando di avere le nocche bianche. Probabilmente anche lui pensa che non sia comodissimo.

Però mi dice "spegni la luce, dormiamo così" e si libera un attimo per tornare a stringermi in quel modo perfetto e per baciarmi sulle guance, sulla testa.
Sorrido per tutto il tempo in cui riesco a stare sveglia perché siamo entrambi stanchissimi per motivi diversi, le mie gambe fanno male da morire, ma dormire in quel modo così dolce cancella tutto.

Dalla primissima volta in cui abbiamo condiviso il letto ho sentito che voleva starmi accanto anche così. Quando sono leggermente distante sento sempre il suo braccio stringermi dalla pancia al seno e letteralmente tirarmi contro di se, baciarmi il collo, il viso...
E' una cosa che amo tantissimo.

E' uno dei modi più dolci e veri con cui qualcuno mi abbia mai detto "ti amo".
E comunque tutti gli altri sono ancora di nuovo solo suoi.

Dormire insieme è qualcosa di intimissimo. Una delle cose che più mi manca quando siamo lontani, anche se io amo dormire e farlo comoda e solitamente dividere un lettino in due tecnicamente non lo è.
Però scegliersi anche durante il buio, durante il momento che in teoria si dovrebbe dedicare al proprio riposo è, ancora una volta, un modo in più per dirsi miseimancatocosìtanto.
Forse proprio aver sentito così la mancanza del suo corpo, della sua vicinanza, mi fa adorare tutto questo e forse mi si potrebbe dire, o lo si potrebbe semplicemente pensare in silenzio, che un giorno, quando l'abitudine la farà da padrona, tutto questo mi avrà stancata. Però io non mi stanco così facilmente delle attenzioni, dei contatti, degli sguardi, delle sue mani sul mio corpo. Non mi ci sono sentita quando siamo stati insieme 24 ore su 24 l'estate scorsa, non mi ci sono sentita quando litigavamo furiosamente per nulla e non credo che me ne stancherò neppure quando finalmente avremo eliminato quello che ci tiene distanti senza volerlo.

Adesso il mio letto è di nuovo solo per me ed anche se probabilmente la comodità è migliore, non c'è una notte in cui, prima di chiudere gli occhi, non mi venga spontaneo pensare a quanto lo vorrei accanto.
Però sorrido, finalmente dopo mesi di un certo tipo sorrido, perché prima di quanto immaginiate le -stavolta- sue lenzuola saranno impregnate dal mio profumo. E lo rimarranno probabilmente per un bel po'.

Una buona serata, a chi non è come neve...

31 commenti:

  1. Certi incastri sono perfetti ed irripetibili....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto con due semplici aggettivi :)

      Elimina
  2. Cara Paola Esse, gran bel post.
    Sì, hai fatto bene a raccontarci un momento così quotidiano e normale, che però ci spiega un periodo nuovo e diverso, un mood nuovo.
    Un abbraccione, a te che non sei come neve :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz ^.^ Ultimamente leggo in te una maggior propensione al rrromanticismo, eh? Non è che c'è ammore nell'aria?!

      Elimina
  3. Paola cara, tieni stretti questi momenti...saranno i tuoi ricordi più belli.
    Ciao bellissima e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E scrivendoli non rischio neanche di perderli, anche se non avverrebbe in nessun caso ^.^
      Grazie mille carissima, un abbraccione :)

      Elimina
  4. Astrattamente bello per chi legge, piacevole per chi lo vive in prima persona.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Gus, di essere passato e del commento molto dolce :)

      Elimina
  5. Quanta dolcezza nelle tue parole... Confermo, è allo stesso tempo scomodo e piacevole...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maira che bello rileggerti ogni tanto :) Spero sempre tu possa tornare ad aggiornare un pochino :)
      Ti abbraccio

      Elimina
  6. Dormire insieme è magico, l'ho imparato persino io che stavo tanto bene pure a dormire sola :D
    Hai descritto dei momenti pieni di amore e di magia...io però tutti questi incastri riesco a farli solo quando fa freddo. Ora che si boccheggia fatico :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il caldo è il mio nemico giurato; non lo sopporto proprio, è un incubo tanto di giorno, quanto di notte. Però in questi casi non mi tocca neanche quello :) Tocca resistere ;-)

      Elimina
  7. Hai raccontato un momento che è tanto intimo quanto diffusamente apprezzato da chiunque l'abbia provato.
    Però ammetto che anche io, come Sara, queste coccole le apprezzo d'inverno. Ora preferisco che chiunque mi stia alla larga. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed anche a te dico che in estate io divento un piccolo mostro (eeeh, a scuola quanti zaini ho lanciato dal nervosismo...xD). Però quando si sente così tanto una mancanza non ci fai veramente più caso. Certo è che in inverno è tutto decisamente più magico e facile ^.^ vuoi mettere quando magari c'è pure un temporale fuori?!

      Elimina
  8. Faccio un commento scherzoso o uno serio :D?

    Beh, direi serio, perché altrimenti sarei veramente stonato e fuori luogo!

    E' un post dolcissimo, ma non smieloso; dote della padrona di casa è il non essere smielosa, perché quello che racconta è in modo genuino quello che sente e prove. La forma è in modo straordinario perfettamente coincidente con la sostanza. Da un certo punto di vista, quasi mi dispiace aver letto perché mi sento di aver rotto quell'atmosfera intima, calda e rassicurante tra voi due. Ma ovviamente quel lungo abbraccio notturno ha per noi frequentatori dei vostri blog un forte significato, vi siete fatti forza dopo un periodo particolarmente balordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che io sia dolce senza essere smielosa è in effetti qualcosa che mi descrive molto :) Una delle cose che mi ha ripetuto più spesso anche lui, che sono dolce a modo mio. Ma penso che in fondo tutti lo siano :)

      Comunque ti ringrazio del bel commento e delle parole che mi hai riservato :) ma se ci tieni puoi lasciare anche il commento non serio :-D

      Elimina
  9. Risposte
    1. Tu guardi avanti, non lontanissimo ma ancora avanti ^.^

      Elimina
    2. Perché? Vuoi vedere se mi sopporta anche a grandi dosi? XD

      Elimina
  10. E' un post bellissimo, un racconto poi molto vero, reale, intenso, come quello che, ritrovandoci, abbiamo potuto vivere.
    In particolare ricordo quando le mani, in particolare una, la destra, stretta nella tua si era quasi "atrofizzata", tanto che credevo di averla persa ^^
    Però è bellissimo stringerti, averti vicina, tirarti addosso a me, anche perchè so bene la differenza che c'è quando non posso farlo, quando non posso avertici. Forse è questo il "segreto", noi sappiamo cosa vuol dire la presenza dell'altro, ne abbiamo la misura perfetta e la conoscenza completa di ciò che rappresenta e comporta. E non è cosa da poco.
    E' stato bello ed importante averti vicino così tanto e così intensamente, in un momento poi abbastanza delicato in generale e dopo un lasso di tempo tanto (direi troppo) lungo.
    Sul resto del post beh, hai detto tutto tu, dirò quindi soltanto che è stato molto dolce rivederci, ri-immaginare e ri-sentire queste cose, le stesse cose. E che ti amo tanto :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho detto tutto in privato, qui e da te. Quindi mi "limito" a ripeterti ancora una volta che ti amo veramente, che mi manchi come l'aria in questi giorni e che non vedo l'ora di venire da te per essere con te in qualsiasi momento e qualsiasi cosa accada.
      Sei tutto quello che ho sempre sognato e spero di poterlo essere anche io, sempre, per te.
      Ti amo e ti amerò sempre

      Elimina
  11. In tanti anni e in tante relazioni non mi sono mai concessa questi momenti di tenerezza così prolungati.
    Questo mi fa pensare all'eccessiva dolcezza come qualcosa di soffocante e fastidioso.. eppure forse mi piacerebbe condividere qualcosa di simile con qualcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che quando non si ha voglia di condividere momenti così lunghi ed intensi sia solo perché non si è incontrata la persona giusta, semplicemente. E' vero che ognuno è fatto a modo proprio, che per amare non serve assolutamente essere in un certo modo piuttosto che in un altro (almeno non in ambito dolcezza/romanticismo e simili). Però credo che quando si incontra LA persona ti venga proprio spontaneo ad un certo punto volerla accanto anche in questo modo.
      Magari un giorno mi dirai che ho ragione o magari che hai confermato il tuo pensiero sulla dolcezza eccessiva. Ma dato quello che ho visto si prova, ti auguro più di potermi dare ragione tu :)

      Elimina
  12. Un grande privilegio: l'incastro perfetto di due anime affini! Un abbraccio.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi era scappato il commento!
      Grazie mille Paola, ti mando un grande abbraccio :-*

      Elimina
  13. Mi tolgo il cappello di fronte a questa condivisione di profonda e dolce intimità.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Keypaxx ^.^

      Un abbraccio grande :)

      Elimina
  14. Risposte
    1. Grazie Rikyyyy, è andata benissimooooo *.*

      Elimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.