domenica 13 dicembre 2020

Di deserto sono esperto

Perché, nonostante tutto, non me la sento di dire che questo 2020 sia stato orribile.

Forse dovrei; in qualche modo dovrei sentirlo, ma non ci riesco.
Non lo è stato.

Ho passato tutte le festività lontana dalle mie sorelle, dai bambini. E probabilmente questo sarà il Natale più in solitaria di sempre.
Abbiamo tutti passato mesi e mesi chiusi dentro casa, senza poter uscire, incredibilmente, se non per fare la spesa.
Siamo condannati, e probabilmente lo saremo per qualche mese ancora, a girare con disinfettante, mascherina e guanti.
Ho stravolto la mia vita lavorativa e sentimentale nel giro di pochi mesi.

Eppure no, si chiude un anno strano, imprevedibile, solitario, rabbioso, estenuante, pericoloso.
Ma anche ricco di crescita personale, di nuove persone, amici, sorrisi.
Ho realizzato di essere cambiata tantissimo negli ultimi mesi.
Mi sento più confidente in delle cose per le quali, in realtà, sono già molto in ritardo.
Ma seguo i miei tempi e questo mi va bene.
Ho letto un sacco di libri stupendi, ne ho messi tanti altri in lista.
Ho speso i fine settimana a tifare Max Verstappen divertendomi una gara dietro l'altra.
Ho passato le notti estive sotto le stelle, a respirare profondamente la mia vita.
Ho riso tantissimo con una persona in particolare, che però...
Ho scritto una pagina dietro l'altra la mia esistenza dentro un'agendina.
Ho tenuto delle lezioni online parlando per ore a degli sconosciuti. Io che da bambina arrossivo anche ad un ciao.

Ed ora dovrei cominciare con i buoni propositi. Dovrei disegnare la mappa dei miei progetti, scalare ambizioni, spuntare "to do list".
La verità è che ho un solo, piccolo, grande obiettivo per il nuovo anno. Che potrebbe cambiare davvero tanto altro.
Vorrei finalmente cancellare dalla lista una piccola fobia che mi porto dietro ormai da anni.
Ho fatto finta di niente per tutto questo tempo perché potevo starne alla larga, ma ora...
Ora è arrivato il momento di diventare grande ancora un po'.

Solo questo chiedo per il 2021.
Solo questo mi chiedo per il nuovo anno.

Una buona serata, a chi non è come neve...

21 commenti:

  1. Non si vive senza amore. Ti manca solo un incontro.

    RispondiElimina
  2. Con certe fobie, a farci amicizia, si convive anche bene..

    RispondiElimina
  3. "Perché, nonostante tutto, non me la sento di dire che questo 2020 sia stato orribile".

    Siamo in due, allora! (ma forse siamo di più :D)

    "Ma anche ricco di crescita personale, di nuove persone, amici, sorrisi.
    Ho realizzato di essere cambiata tantissimo negli ultimi mesi".

    Ecco, io non negli ultimi mesi, o meglio: ho preso coscienza del cambiamento solo da inizio novembre.

    Per ciò che concerne la piccola fobia, non c'è bisogno di farne un proposito per l'anno 2021: è scontato che tu la possa superare. Anche perché comunque a un certo punto subentrerebbe la necessità. Ma siccome tu sei molto intelligente (a parte il tifo per certi piloti di Formula 1), lo farai prima che diventi necessità :)

    RispondiElimina
  4. Roos van der Aa, fashion blogger olandese, è fidanzata con Max Verstappen. E' bellissima, ma Paola è di +

    RispondiElimina
  5. Lo speriamo tutti un 2021 migliore, ma decisamente migliore..

    RispondiElimina
  6. È e sarà SEMPRE il momento di diventare grande ancora un po':)

    RispondiElimina
  7. Questa prima frase avrei potuto scriverla anche io. E magari a fine anno lo farò.
    "Perché, nonostante tutto, non me la sento di dire che questo 2020 sia stato orribile."
    Un anno non è mai tutto bello o tutto brutto. Io voglio pensare anche ai momenti belli, e ce ne son stati. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Wao... pure io voglio chiudere i conti con delle cose, scenderne a patti. Hai ragione, ogni tanto fa bene crescere un po'!
    Mi fa piacere che comunque questo 2020 ti ha dato delle energie particolari... Vale anche per me!!

    Moz-

    RispondiElimina
  9. fa bene di 'sti tempi leggere un post che cerca (e trova) aspetti positivi anche in mezzo al marcio.
    massimolegnani

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. Si è facile dire che questo 2020 sia stato un anno orrendo. Nonostante tutto, per me come per te, non è stato nella realtà dei fatti un anno orribile. Sebbene Non abbia potuto vedere mia sorella praticamente da febbraio e non possa nemmenbo passare il natale con lei e la sua famiglia come eravamo soliti fare. Certo le limitazioni alla libertà personale che ci hanno imposto, (non c'era una via diversa) sono pesanti, soprattutto ora che arrivano di nuovo per la terza volta. Ma credo che sia necessario, anche per la sanità mentale delle persone trovare piccole cose positive nella propria esistenza. Io ne ho trovate alcune, perfino in questo 2020. Ho trovato il tuo blog grazie al Post FRANKEN-MEME A GOGO' del Blog Posto di Bloggo di Franco Battaglia. Ora seguo anche io il tuo blog
    Spero che vorrai rendermi il follow-back per il mio blog il Rifugio degli Elfi https://ilrifugiodeglielfi.blogspot.com/

    RispondiElimina
  12. comunque l'anno non è ancora chiuso :-)

    RispondiElimina
  13. Auguri di un Natale sereno assieme alla tua famiglia. Buone feste ragazza bella😘🎄😘

    RispondiElimina
  14. Bene bene, non sei stata risucchiata dal tourbillon degli auguri.

    RispondiElimina
  15. Bella riflessione che fa comprendere quanto ci sia da imparare da ogni esperienza.
    Buon Natale, di cuore:)
    sinforosa

    RispondiElimina
  16. E dopo gli auguri di Natale eccomi per quelli di Buon Anno. Che sia quel che desideri. Ti abbraccio forte😘💛

    RispondiElimina
  17. un post che pur essendo veritiero gronda malinconia , ma una grande felicità, un rinnovo di personalità, una maturazione che come un seme spunta fuori pur restando la mia Paoletta unica e inimitabile come sempre.
    Ti stringo forte e un anno stupendo!

    RispondiElimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.