domenica 23 gennaio 2022

Quando resti nuda

C'è qualcosa di estremamente familiare, bello e terribile, nelle luci delle città lontane di notte.
Sarà che mi ricordano le stelle, sarà che mi ricordano di me.

È stato tutto così rapido che non ho avuto tempo di riflettere sul fatto che il 2021 sia stato, tutto sommato, un grandissimo anno.
Me ne sono resa conto, praticamente, aggiornando un mini stato di WhatsApp il giorno di Capodanno.

Son cambiata. Ci ho pensato per la prima volta due sere fa, seduta a gambe nude sul pavimento-quello non cambia mai. Non so come sia successo e perché, non me ne sono resa conto, non lo avevo programmato e nemmeno aspettavo che succedesse.

Forse è solo crescere, non lo so bene.

Ma son cambiata. Sempre uguale, s'intende, ma diversa.

Perennemente alla ricerca del conflitto, dentro e fuori, però più risoluta. Meno in bilico.
Sarà che il lavoro stabile e davvero mio mi ha resa più indipendente ed impegnata.
Sarà che da quasi un anno, ormai, non sono più ferma all'unica paura che per troppo tempo mi aveva condizionata.
Sarà che ho smesso di auto-sabotarmi più o meno inconsciamente.
Sarà che la ragazzina piena di tagli sull'esistenza ha lasciato il posto ad un'adulta con dei piani che, poco a poco, stanno prendendo forma davvero.
O sarà che ho iniziato una nuova agenda, tutta diversa dal solito, e si sa... Le pagine bianche sono sempre un buon modo di guardarsi dentro.

Qualsiasi sia il "sarà" giusto, comunque, mi sento diversa davvero.
La bambina che correva a chiudersi in bagno per asciugarsi le lacrime è un ricordo che adesso mi fa sorridere.
Così come mi fa sorridere quella sensazione ormai lontana di sentirsi troppo piccola anche di fronte a situazioni estremamente su misura.
Che di errori ne commetto tanti ancora, forse quasi ogni giorno, ma li disegno meglio, li colleziono con più cura, non li butto alla rinfusa dentro le pagine dei libri ingialliti aspettando di pentirmene.
 
D'altronde, cosa ci si doveva aspettare da una che ci ha messo 28 anni per scoprire che la felicità può avere anche la forma di un gatto nero -di due, per la precisione-.

Al mio primo post del mio nuovo anno.

A chi non è come neve...

34 commenti:

  1. Un post colmo di belle cose, colmo di progetti e speranze e prese di coscienza, un post rallegrato dalla presenza di due mici adorabili, perfetto inizio di anno nuovo. Caio ciao.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gattuzzi adorabili che mi stanno assalendo proprio in questo momento :D
      Sono piena di grandi aspettative per questo nuovo anno. Ci credo così tanto che le vedo come se fossero già qui. Speriamo che questo porti fortuna :)
      Un abbraccio grande :)

      Elimina
  2. Sono felice di saperti soddisfatta di te e di quello che stai vivendo.
    Continua così!

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Quest'anno si cresce tanto, è questo l'obiettivo principale :) In tutte le direzioni *.*

      Elimina
  4. Il cambiamento è qualcosa che solo tu puoi percepire intimamente. Si tratta di comportamenti che mutano in base alle esperienze acquisite.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, descrizione impeccabile.
      Le esperienze sono l'unica guida che abbiamo, a volte è una cosa positiva, a volte no perché ci influenzano troppo ma solo così si imparano le lezioni :)

      Elimina
  5. È bello vedere che sei soddisfatta di te stessa, questa è la cosa più importante. Quando si è giovani è normale stare male per gli errori che si fanno, è normale dare voce alle paure, poi a un certo punto si cresce, si fa tesoro di tutto gli errori e le emozioni e si inizia un percorso nuovo. In effetti si cambia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, si cresce e si cambia inevitabilmente ma la cosa particolare è che proprio non me ne sono accorta. È stato improvviso e non saprei nemmeno dire cosa abbia comportato...semplicemente lo sento. Ed è molto bello :) Un abbraccio a te :)

      Elimina
  6. Che bello leggerti Paola, mi hai riportato indietro di tanti anni quando mio vivere era più incosciente non ragionato, poi ci fermiamo come dopo la lunga corsa: un sospiro profondo
    Il dopo è percorrere il tempo con più consapevolezza...
    Chi sa se è meglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho l'abitudine di godermi il viaggio in qualsiasi modo esso si svolga :) Quindi prima avrei detto che era tutto perfetto in quel modo, adesso invece preferisco il "qui ed ora". Domani probabilmente avrò una nuova opinione ma spero non cambi mai il senso di leggerezza che mi accompagna :)

      Elimina
  7. I gatti fanno miracoli favvero.
    Ma non credo che sia tutta merito loro. Un piccolo aiutino mi sa che gliel'hai dato pure tu
    😉

    RispondiElimina
  8. Uno: Te l'avevo detto!

    Due: E' la vita, bellezza...

    Tre: Se continui così, sarai felice di vivere fino a quando avrai cent'anni (e sempre per cose diverse, per la scoperta di nuove angolature da cui guardare la vita, che arricchiranno le certezze che avrai maturato nel frattempo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo il terzo punto del commento.
      Effettivamente forse è proprio tutto lì: scoprire le nuove angolature o utilizzare prospettive diverse per guardare panorami che conosciamo ormai a memoria :)
      In ogni caso, è proprio bellissimo così :)

      Elimina
  9. Crescere è un'esperienza meravigliosa. Se poi si cambia rendendosi conto di farlo, ancora meglio.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me ne sono resa conto a metà perché poi se ci penso non so bene nemmeno dire che cosa sia cambiato e quando o perché. Diciamo che per una volta me la godo senza pensarci troppo :)
      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  10. I gatti neri portano fortuna Sara.
    Stai crescendo e sarai costantemente un work in progress per chissà quanti altri anni.
    L’importante è che non permetti ai ricordi di giocare con la tua mente.
    Vivi il presente e questo che hai mi sembra molto bello.
    Goditelo.
    Il futuro ti succederà da solo.
    Non vivere di ricordi belli o dolorosi che siano.
    Per me è questa la formula giusta.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei Signori Gattuzzi portano più che fortuna :)
      I ricordi belli me li porto nel cuore; hanno il viso dei miei nipotini, le risate delle mie sorelle ed il profumo di gelsomini. Nel passato più recente hanno il colore azzurro dei suoi occhi.
      I ricordi brutti per ora non mi servono più. Magari un giorno torneranno, perché la vita è ciclica, ma adesso non mi competono :)

      Ciao a te, Max, è bello ritrovarti dopo tanto tempo :-*

      Elimina
  11. Si cresce sempre e si cambiano mille prospettive. Te lo dice uno "cresciuto". Uno che a vent'anni era sicuro, pianificato, aveva tutto chiaro. Una cosa complicata è ammettere che se oggi hai tutto ben delineato, già domani potrà non esserlo affatto. Solo questo voglio sottolineare. Sentiti sempre in transito, in gioco, nell'equilibrio da mantenere. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che nessuno sia così fuori di testa da pensare che tutto sia già compiuto e completo. Io stessa anche in questo momento di grande equilibrio ho già subito progetti in divenire e l'aspettativa di grandi cambiamenti all'orizzonte.
      Piuttosto adesso sento semplicemente i colori di quello che ho intorno un po' più forte dei grigi e del nero :)

      Elimina
  12. Beh, i gatti donano felicità a prescindere :)
    Comunque, 28 sono anche pochi, io ne ho dieci in più e mica sono poi così tanto convinto come invece sei tu :D
    Bene trovare queste consapevolezze!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordavo che fossi un gattaro, caro Moz :) Adoreresti il mio Max e la mia Daniel :D
      Tu sei ggggiovine dentro Moz, hai la bellezza del piccolo te dentro al cuore, non hai bisogno delle convinzioni a cui mi aggrappo invece io :-* :D

      Elimina
  13. Ciao Paola e buon anno!
    Ho letto il post con interesse e un po' mi ci sono rispecchiato. Anche per me il 2021 è stato un anno di crescita e di cambiamenti.
    E penso proprio che non ci fermeremo qui. Molte pagine bianche ci inducono a scrutare dentro di noi, è vero... e sarà su quelle stesse pagine che scriveremo com'è andata a finire!:)
    Un saluto
    EM

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matassa, bello ritrovarti :)
      Leggendo il tuo blog negli ultimi post, spero proprio che soprattutto per te si aprano nuovi capitoli da scrivere a colori. Questo 2022 può essere uno sfondo carino da utilizzare ;)
      Un abbraccio :)

      Elimina
  14. Hai acquistato sicurezza in te stessa e questo è molto bello e giusto. Ma le parole che usi per descrivere ciò che ti accade, dentro e fuori di te, mi appaiono come poesia.
    Continuerai a crescere e vedrai quante cose nuove potrai scoprire di avere. La vita è proprio questa, una continua scoperta. Abbraccio forte Paola, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Pia, hai scelto tu parole molto dolci per me :-*
      La vita è scoperta continua ma è anche saperla abbracciare nel modo giusto, che non sempre siamo aperti alle cose nuove come dovremmo (io per prima) :)

      Un abbraccio forte :-*

      Elimina
  15. Andando avanti si ha più consapevolezza di noi stessi e della vita, si cambia inevitabilmente.
    Un abbraccio carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inevitabilmente e spesso in silenzio, così che poi diventi una sorpresa anche per noi stessi, incredibilmente :)
      Un abbraccio a te :)

      Elimina
  16. Hai ragione
    hai ragione da vendere..
    ma dove sono stato??
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ero persa, mi son ritrovata :)
      Bentornati, allora :)
      Un abbraccio

      Elimina
  17. che bello questo post, proprio bello. Forse tutti siamo cambiati un po' e non ce ne siamo accorti, se ci penso anche io sono cambiata un po. Scrivi nuove pagine su quei fogli bianchi.
    Ciao Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cresciuti, magari l'espressione migliore e corretta è questa :D
      Bellissimo in ogni caso :)
      Ho un sacco di penne colorate da usare *.*

      Elimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.