giovedì 29 aprile 2021

Come colore e forme per Cézanne

 A te.

Che non sei ancora qui ma sei già una parte imprescindibile del nostro universo.

A te.

Che ancora non hai un nome ma sei già tutto.

A te che detti già il ritmo.

A te che porti con te già tutti i tramonti fino alla fine dei giorni.

A te che somigli già al sole, alla luna, alla neve, alla pioggia, agli uragani ed al mare.

A te che profumi già di primavera, di terra bagnata, di amarene.

A te che hai già negli occhi le navi del mondo, i ghiacciai, i burroni, il caos di persone negli aeroporti.

A te che esploderai come un boato pur entrando in punta di piedini.

A te, piccolo fiore in un deserto pieno di follia e paura. 

A te che riempi già il cuore e gli occhi e i sogni di chi ti porta con sé.


A te, piccolo amore della zia, il mio "non vedo l'ora che tu sia qui". 

A te, piccolo amore della zia, il mio "ti sento già". 


Una dolcissima attesa, a chi non è come neve... 

12 commenti:

  1. Ognuno di noi dovrebbe avere un *a te* , per provare la gioia di esistere.

    RispondiElimina
  2. Un delicato benvenuto dalla grazia del tuo cuore.

    RispondiElimina
  3. Quanta gioia sta arrivando nella vostra casa💜

    RispondiElimina
  4. Già fortunato ancor prima di nascere con una zia così, che invidia ;)

    RispondiElimina
  5. Dedicata a tua/o nipote e ai suoi genitori. E' stato il modo in cui io ho immaginato mio figlio prima che nascesse:
    https://www.youtube.com/watch?v=R3Wf53M_YRM&ab_channel=ELISAOfficial

    RispondiElimina
  6. Arriva un altro nipotino o un'altra nipotina? Ma che meraviglia.
    Adoro le famiglie numerose, anche se ho scelto di avere un solo figlio.
    Auguri!

    RispondiElimina
  7. Sarà un nipotino fortunato, anche perché da zia non ti manca di certo l'allenamento ;)
    Hai scritto parole molto dolci. Consentici di aspettare il lieto evento insieme a te.
    Ps=ho apprezzato anche la citazione musicale del titolo.

    RispondiElimina
  8. Davvero bei versi poetici.

    Come va Stella? Spero bene.

    Un abbraccione a te.

    RispondiElimina

Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.